Home / Italian / La Nuova Diodati / Web / 1 Samuele

 

1 Samuele, Chapter 13

13:1 Saul aveva trent' anni quando cominciò a regnare; e dopo aver regnato due anni sopra Israele.
13:2 Saul si scelse tremila uomini d' Israele: duemila stavano con lui a Mikmash e nella regione montuosa di Bethel, e mille con Gionathan, a Ghibeah di Beniamino; rimandò invece il resto del popolo, ognuno alla sua tenda.
13:3 Gionathan sconfisse la guarnigione dei Filistei che stava a Gheba, e i Filistei lo vennero a sapere. Allora Saul fece suonare la tromba per tutto il paese, dicendo: "Lo sappiano gli Ebrei!".
13:4 E tutto Israele sentì dire: "Saul ha sconfitto la guarnigione dei Filistei e Israele è venuto in odio ai Filistei". Così il popolo fu convocato a Ghilgal per seguire Saul.
13:5 Anche i Filistei si radunarono per combattere contro Israele, con trentamila carri, seimila cavalieri e gente numerosa come la sabbia che è sul lido del mare. Salirono dunque e si accamparono a Mikmash, a est di Beth-Aven.
13:6 Quando gli Israeliti si accorsero di essere in pericolo, (perché il popolo era messo alle strette), si nascosero nelle caverne, nelle macchie, tra le rocce, nelle buche e nelle cisterne.
13:7 Alcuni Ebrei passarono il Giordano per andare nel paese di Gad e di Galaad. Quanto a Saul, egli era ancora a Ghilgal e tutto il popolo lo seguiva, tremando.
13:8 Egli aspettò sette giorni secondo il tempo fissato da Samuele; ma Samuele non giungeva a Ghilgal e il popolo cominciava a disperdersi lontano da lui.
13:9 Allora Saul disse: "Portatemi l' olocausto e i sacrifici di ringraziamento". Quindi offerse l' olocausto.
13:10 Aveva appena finito di offrire l' olocausto, quando arrivò Samuele; e Saul gli uscì incontro per salutarlo.
13:11 Ma Samuele gli disse: "Che cosa hai fatto?". Saul rispose: "Quando ho visto che il popolo si disperdeva lontano da me, che tu non eri giunto nel giorno stabilito e che i Filistei si radunavano a Mikmash, mi son detto:
13:12 "Ora i Filistei mi piomberanno addosso a Ghilgal e io non ho ancora supplicato l' Eterno". Perciò mi sono fatto forza e ho offerto l' olocausto".
13:13 Allora Samuele disse a Saul: "Tu hai agito stoltamente; non hai osservato il comandamento che l' Eterno, il tuo DIO, ti aveva prescritto. L' Eterno infatti avrebbe stabilito il tuo regno su Israele in perpetuo.
13:14 Ora invece il tuo regno non durerà. L' Eterno si è cercato un uomo secondo il suo cuore, e l' Eterno lo ha stabilito principe del suo popolo, perché tu non hai osservato ciò che l' Eterno ti aveva comandato".
13:15 Poi Samuele si levò e salì da Ghilgal a Ghibeah di Beniamino, e Saul passò in rassegna il popolo che si trovava con lui erano circa seicento uomini.
13:16 Or Saul, Gionathan suo figlio e la gente rimasta con loro rimasero a Ghibeah di Beniamino, mentre i Filistei erano accampati a Mikmash.
13:17 Poi dall' accampamento dei Filistei uscirono dei razziatori divisi in tre schiere: una schiera si diresse sulla via di Ofrah, verso il paese di Shual;
13:18 un' altra schiera si diresse sulla via di Beth-Horon; la terza schiera si diresse sulla via della frontiera che domina la valle di Tseboim, verso il deserto.
13:19 Or in tutto il paese d' Israele non si trovava alcun fabbro, perché i Filistei dicevano: "Gli Ebrei non fabbrichino spade o lance".
13:20 Così tutti gl' Israeliti scendevano dai Filistei per affilare chi il suo vomero, chi la sua zappa, chi la sua scure, chi la sua vanga.
13:21 Il prezzo per l' affilatura era di un pim per le vanghe, per le zappe, per i tridenti, per le scuri e per aggiustare i pungoli.
13:22 Così, nel giorno della battaglia, non si trovava né spada né lancia in mano a tutta la gente che era con Saul e con Gionathan; ne avevano solamente Saul e Gionathan suo figlio.
13:23 La guarnigione dei Filistei uscì quindi verso il passo di Mikmash.